Comunicati stampa, Investor Relations, Price Sensitive
30 marzo 2016 | di MailUp

Il cda di MailUp approva il bilancio dell’esercizio 2015: +135% il valore della produzione pro forma, +255% l’EBITDA pro forma e +1714% l’utile pro forma

Il CdA MailUp S.p.A. società quotata in Borsa sul mercato AIM Italia e attiva nel campo delle marketing technology (Reuters: MAIL.MI) (Bloomberg: MAIL.IM) (ISIN IT0005040354) si è riunito in data odierna e ha esaminato i numeri di chiusura dell’esercizio 2015.

Scarica la versione integrale del comunicato stampa

Il conto economico consolidato non incorpora gli effetti delle acquisizioni di MailUp Nordics (già AdPepper Denmark) e della controllata Globase International ApS nonché di Agile Telecom S.p.A. in quanto tali acquisizioni si sono perfezionate in prossimità della chiusura dell’esercizio. Ai fini di una maggiore significatività e completezza delle informazioni, MailUp S.p.A. ha predisposto, su base volontaria, un conto economico pro forma al 31/12/2015, che riflette retroattivamente (con decorrenza 1 gennaio 2015) gli effetti delle acquisizioni effettuate nel corso dell’esercizio 2015.

Conto economico consolidato pro forma 2015

  • 18,9M di Euro di valore della produzione nel 2015 a fronte di 8M di Euro nel 2014 (+135%)
    > 8,5M di Euro di ricavi dalle vendite mail nel 2015 a fronte di 6M di Euro nel 2014 (+41%);
    > 10M di Euro di ricavi dalle vendite SMS nel 2015 a fronte di 1,8M di Euro nel 2014 (+455%);
    > 350mila Euro di altri ricavi e proventi nel 2015 a fronte di 150mila Euro nel 2014 (+133%).
  • 2,9M di Euro di EBITDA nel 2015 a fronte di 0,8M di Euro nel 2014 (+255%)
  • 1,8M di Euro di EBT nel 2015 a fronte di 0,2M di Euro nel 2014 (+817%)
  • 1,2M di Euro di utile netto nel 2015 a fronte di 68mila Euro nel 2014 (+1714%)
  • Il valore della produzione internazionale pro forma nel 2015 è del 30% rispetto al valore della produzione totale, a fronte del 10% del dato corrispondente nel 2014 (+233%)

Conto economico consolidato 2015
(senza gli effetti delle acquisizioni di Globase International ApS e Agile Telecom S.p.A.)

  • 9,5M di Euro di valore della produzione nel 2015 a fronte di 8M di Euro nel 2014 (+18%) > 6,9M di Euro di ricavi dalle vendite mail nel 2015 a fronte di 6M di Euro nel 2014 (+14%);
    > 2,2M di Euro di ricavi dalle vendite SMS nel 2015 a fronte di 1,8M di Euro nel 2014 (+24%);
    > 350mila Euro di altri ricavi e proventi nel 2015 a fronte di 150mila Euro nel 2014 (+133%).
  • 1M di Euro di EBITDA nel 2015 a fronte di 0,8M di Euro nel 2014 (+29%)
  • 51mila Euro di EBT nel 2015 a fronte di 0,2M di Euro nel 2014 (-74%)
  • 2mila Euro di utile netto nel 2015 a fronte di 68mila Euro nel 2014 (-97%)
  • Posizione Finanziaria Netta (PFN) pari 1.024mila euro nel 2015
  • Disponibilità liquide pari a 3,2M di Euro nel 2015, a fronte di 3,3M di Euro nel 2014
  • Patrimonio netto pari a 7,3M di Euro nel 2015 a fronte di 3,3M di Euro nel 2014
Matteo Monfredini, Presidente di MailUp S.p.A., commenta: “Il 2015 è stato un anno di discontinuità per la società in cui abbiamo fatto un salto dimensionale, passando da un valore della produzione di Euro 8 milioni nel 2014, anno della quotazione in borsa, a quasi Euro 19 milioni nel 2015 (dato consolidato pro forma relativo all’attuale perimetro di riferimento del gruppo). 
Abbiamo avviato il percorso di crescita per linee esterne, completando 3 acquisizioni in meno di un semestre, di cui 2 internazionali e un reverse takeover. Abbiamo sperimentato il percorso delle partnership internazionali, aprendo in Giappone, Sud America e Indonesia dove siamo diventati di fatto il primo Email Service Provider del Paese. L’Indonesia è una delle “fastest growing digital economies” a livello internazionale, con oltre 250 milioni di abitanti, di cui 70 milioni connessi in rete, e con una crescita della penetrazione di internet tra le più alte del continente asiatico.
In ultimo, verso la fine dell’anno abbiamo lanciato sul mercato due nuovi prodotti, BEE Plugin e BEE Pro, che dopo aver raccolto ottimi riscontri in Silicon Valley da parte degli addetti ai lavori, nel corso del primo trimestre del 2016 hanno cominciato a dare i primi risultati, crescendo in media del 17% mese su mese da gennaio 2016 a marzo 2016. In questo percorso di forte sviluppo, siamo comunque riusciti a mantenere il focus sulla crescita organica, che nel 2015 è stata del 16%”.

Scarica la versione integrale del comunicato stampa