17 Giugno 2020

MailUp presenta Timing and Pressure: lo studio dedicato alle tempistiche di invio delle email e al loro impatto

Grazie all’analisi su un campione di quasi 20 milioni di destinatari, lo studio offre una visione globale sulle consuetudini di invio delle aziende e sulla relativa fruizione da parte dei destinatari.

MailUp presenta Timing and Pressure, lo studio interamente dedicato alla ricezione e all’apertura delle email da parte dei destinatari.

Prima uscita della nuova collana MailUp Data, lo studio rileva percentuali, numeri e andamenti che offrono una visione globale sulle tempistiche con cui i destinatari ricevono e aprono le email nell’arco della giornata, della settimana e dell’anno.

Tra i rilievi, citiamo la tendenza del mercato Email Marketing a una maggiore attività negli ultimi mesi dell’anno: dai report per stagionalità emerge infatti come ogni mese compreso tra settembre e dicembre catalizzi oltre il 9% del totale di invii, con la leadership di ottobre (10,79%), che si pone come spartiacque tra la coda lunga dell’estate (caratterizzata da una minore attività di invio) e l’inizio di un ricco ciclo di festività commerciali (Halloween, Black Friday, Cyber Monday, Natale).

Il focus si concentra anche sulla pressure – il numero di email che il destinatario riceve in un determinato periodo –, analizzando in che misura questa condiziona aperture, clic e disiscrizioni.

Sia per il timing sia per la pressure, lo studio offre inoltre un focus dedicato a cinque settori commerciali: Commercio al dettaglio/Retail, Banking, Editoria/Media, Formazione, Servizi.

Per scaricare Timing and Pressure è sufficiente compilare il form all’indirizzo dedicato.

Stefano Branduardi, Marketing Director di MailUp, commenta: “Con Timing and Pressure inauguriamo una nuova collana, MailUp Data, che farà luce su distinti aspetti del mondo Email Marketing, grazie a numeri e percentuali messi a disposizione da MailUp e dai suoi oltre 10.000 clienti. Con questa prima uscita abbiamo voluto fare chiarezza, una volta per tutte, su quali sono i trend relativi alle tempistiche di invio da parte delle aziende e alle performance a esse connesse”.

Scarica il comunicato stampa