3 Aprile 2019

MailUp presenta l’Osservatorio Statistico 2019: numeri, grafici e benchmark di un anno di Email Marketing

Grazie all’analisi di 13 miliardi di messaggi inviati lungo tutto il2018, lo studio offre un set di report dedicati alle performance del canaleemail, suddivisi per tipologia (newsletter, transazionali, DEM), comparto (B2B,B2C, misto) e settore commerciale.

MailUp presenta l’Osservatorio Statistico 2019, lo studio che analizza nel dettaglio il panorama dell’Email Marketing, grazie a numeri, andamenti e benchmark relativi a unintero anno solare.

Dall’analisi dei volumi di invio lungotutto il 2018 – oltre 13 miliardi diemail riconducibili agli oltre 11.000 clienti MailUp –, emerge ilmiglioramento (anno su anno) delle due fondamentali metriche del canale email: +12,7% delle aperture totali e +7,8% deltasso di clic

Dai dati macro l’Osservatorio passa aquelli più specifici, relativi alle diverse tipologie di email (newsletter, DEM, transazionali),destinatario (B2B, B2C, misto) e settore. Per ciascuna tipologia,inoltre, l’Osservatorio fornisce due focus dedicati ai comparti commerciali chefanno registrare le migliori e le peggiori performance: nell’area Newsletter,ad esempio, brillano le Assicurazioni nelB2B (61% di aperture e 7% di clic) e le Utilitiesnel B2C (70% di aperture e 8% di clic).

In chiusura, il focus dedicato al segmento e-commerce B2C, che mette aconfronto le performance degli ambienti MailUp collegati a uno store online conquelli che non presentano tale connessione tra sistemi.

Per scaricare l’Osservatorio Statistico 2018 è sufficiente compilare il form alla pagina dedicata.

Stefano Branduardi​, Marketing Director di MailUp, commenta: “Per l’edizione 2019 abbiamo dato al nostro Osservatorio un taglio nuovo: abbiamo analizzato numeri e metriche in una prospettiva di engagement, distribuendo i risultati in micro e macro-funnel in grado di restituire una visione più organica delle performance. Abbiamo operato così perché consapevoli che le singole metriche non possono essere concepite come compartimenti stagni, ma come piani interdipendenti e connessi, dove ogni misurazione dipende dalla precedente e influenza la successiva. Il quadro complessivo che emerge è quello di un netto miglioramento dell’efficacia delle strategie aziendali, dove tuttavia sussiste un ampio margine di ottimizzazione. L’obiettivo dell’Osservatorio sta proprio qui: far capire ai brand che cosa, nelle loro strategie, funziona e cosa va migliorato.

Scarica il comunicato stampa

Scarica il comunicato stampa